A spasso per il Lazio: Calcata, parco della valle del fiume Treja e cascate del Monte Gelato

Avendo finalmente un sabato libero per poter riposare (a proposito, per pochi mesi sarò un portalettere di Poste Italiane. Un giorno ne parlerò, così capirete perché ho avuto poco tempo per scrivere) sono riuscito a recuperare le forze in tempo per domenica, e quindi concedendomi una gita fuori porta con il mio gruppo storico di amici. Stavolta siamo andati a Calcata, cittadina medievale in provincia di Viterbo.

image

Veduta di Calcata

Gira una leggenda di questa città riguardante il possesso dell’originale Santo Prepuzio (^^”) ma ho come avuto una sensazione di “già visto” non appena siamo arrivati. Solo una volta tornato a casa ho scoperto perché: compare nel film “Amici miei” ed è la città che fanno credere di dover distruggere per far posto ad un’autostrada XD

Scherzi a parte, è una tipica cittadina medievale costruita in cima ad una formazione di tufo, accessibile solo dall’apertura delle mura e dalla popolazione di poco più di 900 abitanti. Ed è piena di gatti, tutti abituati alla presenza umana e decisamente coccolosi. A parte una breve passeggiata al suo interno, godendo dei panorami che si potevano vedere dalle varie terrazze panoramiche, non siamo stati più di tanto.

image

Una delle vedute panoramiche di Calcata

Sempre da Calcata, abbiamo preso un sentiero che ci ha portato all’interno del parco della valle del fiume Treja. Inizialmente piuttosto scosceso, si avventurava all’interno di una foresta e costeggiava il fiume Treja.

image

Fiume Treja

C’è da dire un paio di cose: a causa del caldo e del fiume che ci scorreva accanto, era molto umido/vagamente soffocante, quindi il consiglio (se un giorno vogliate fare una passeggiata da quelle parti) è di passare verso primavera, quando l’aria è più fresca; e non so nemmeno se consigliarvi di passare: è vero che abbiamo visto un solo percorso, ma questo mi dava l’impressione di essere come abbandonato a sé stesso: sentiero invaso dalla natura, segnaletica arrugginita, cadente o nascosta dalla vegetazione. Noi abbiamo camminato per un paio di orette, fermandoci due volte accanto al fiume per bagnarci i piedi con la sua acqua fredda: un vero toccasana.

image

Una delle cascate del Monte Gelato

La nostra ultima tappa sono state le cascate del monte Gelato, ad una decina di minuti di macchina da Calcata. Questo è risultato essere un posto decisamente “turistico”: c’era una forte presenza di turisti in costume che si facevano il bagno nelle acque del fiume, anche se erano presenti diversi cartelli che vietavano la balneazione nelle sue acque. Accanto a questa zona, un “percorso avventura” che a pagamento ti permetteva delle camminate su percorsi come ponti di corde oppure una zona di tiro con l’arco. Non ho potuto approfittarne (causa stanchezza dei miei compagni di viaggio ^^”) ma sembrava qualcosa di interessante. Forse vale la pena dargli una possibilità.

Vi lascio con una immagine “ai confini dell’impossibile”, testimonianza delle incredibili possibilità umane.

image

Alla prossima!

Annunci

7 pensieri su “A spasso per il Lazio: Calcata, parco della valle del fiume Treja e cascate del Monte Gelato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...