Dei regali inaspettati ma poco digeribili

“… e ti dirò: alla fin fine la cena aziendale è stata migliore di quanto mi aspettassi”

…si…

“Una mangiata come si deve, con un risotto che ricorderò a lungo… buonissimo… tanta allegria, canti e balli… e persino una riffa finale!”

Ecco… proprio di quello volevo parlare…

“Sai che mi hanno dato due biglietti, no? Ed il primo premio è stato un gioiello Morellato… da donna! Ammetto di esserci quasi rimasto male, anche se sembrava che tutte le colleghe mi stessero invidiando”

Beh… ti sei ripreso dopo, no?

“Al numero 44 era abbinato invece un lettore dvd/cd/mp3 portatile! Una figata incredibile! QUELLA è stata una sorpresa!”

Per non parlare di quell’assaggio di vini

“Carina la confezione, e qualche esperto lì alla cena mi ha detto anche che erano vini quasi pregiati… ma tanto non ci avrei fatto praticamente nulla. Lo sai che sono quasi astemio.”

E quando sei arrivato a casa, hai regalato ai tuoi genitori e a tuo fratello le tue vincite

“Mi sembrava giusto così: il Natale è vicino, non sapevo che regali fare e questi mi sembravano appropriati per tutti e 3. E stamattina ne ho avuto la conferma. Sono soddisfazioni anche quelle”

Già, non lo metto in dubbio. Solo una domanda: l’hai fatto solo per generosità? Per amore verso la tua famiglia?

“Stai dubitando della mia buona fede?”

No, no. Lo so che sei un brava persona. E so anche che per te gli oggetti hanno valore solo se possono servire/ fare felice qualcuno. La mia domanda è legata al momento in cui sei tornato al tavolo con il premio che ti è piaciuto di più. Hai presente quel momento in cui hai pensato cosa farci con questi regali?

“…”

Ti sei detto che il gioiello e le bottiglie le avresti dati a tuo padre e tua madre. E quando sei tornato al tavolo, hai detto che l’ultima vincita sarebbe stata perfetta per tuo fratello. Ma… ricordi anche il pensiero piccolo piccolo in appendice?

“…no, non me lo ricordo… non credo sia importante…”

… mi duole fare la parte cinica e concreta, ma se devo essere cattivo per farti capire le cose lo farò. Il regalo che hai dato a tuo fratello era l’unico che potevi usare anche tu, ma hai deciso di non tenertelo. E posso dirti cosa hai pensato, per pochi secondi, che forse non ha influito sulla decisione finale ma che sicuramente ha dato più peso ad una delle due possibili decisioni

“…..”

Ti sei chiesto: me li merito? Cosa ho fatto effettivamente quest’anno per meritare dei doni spuntati quasi dal nulla? Nonostante gli sforzi, non sono riuscito ad ottenere nulla. Mio fratello, invece, studia come un matto e ha poche soddisfazioni… forse il regalo se lo merita lui, sicuramente più di me.

“…. mi fai apparire come un debole”

Ancora no. Sei solo umano. Nonostante le apparenze, nonostante gli sforzi per sorridere, stai facendo tanta fatica. E nessuno se ne accorge. E se vogliamo essere sinceri fino in fondo, non è che tu aiuti qualcuno a fare in modo che si accorga delle tue difficoltà. Ma è lo svantaggio di avere una famiglia come la tua, suppongo.

“……”

Vuoi sapere una cosa positiva? Il fatto stesso che tu mi stia ascoltando è davvero incoraggiante. Non l’avresti mai fatto, poco tempo fa. Forse lo psicologo ti sta davvero aiutando, anche se considera me come una fantasia che forse deve essere domata.

“….”

…. cerca solo di farti entrare in testa che non sei la causa di tutti i mali intorno a te. Cerca solo di capire che anche una persona come te, un pò depressa, pigra e sfortunata, merita qualche piccola soddisfazione. O appassirai, come le piante senza acqua. Morire di sete è un pessimo modo di lasciare questo mondo, credimi.

“….”

 

Annunci

3 pensieri su “Dei regali inaspettati ma poco digeribili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...