Un certo tipo di dolore

Forse non ti è chiaro. Sono qui per spiegarti, al meglio delle mie capacità.

Non è un problema la solitudine in sè… il vero problema è non riuscire SEMPRE a sentirsi solo. Se fosse come dovrebbe essere, ti si prospetterebbero 2 soluzioni: ti abitui e raggiungi una sorta di malinconico nirvana… o non ti abitui, e nei casi più gravi la fai finita. In un modo o nell’altro riesci a terminare la sofferenza.

Il problema è che NON ti abitui. Non ti puoi sentire sempre solo. Ci sono diversi momenti… appena ti svegli, quando vai a lavorare, quando vai in palestra/piscina… che non ci pensi. In pratica, quando sei solo una parte di te. Ma ci sono quei momenti in cui la consapevolezza di essere solo ti raggiunge con facilità, proprio perchè non ci stai pensando. E la cosa più brutta è che fa male non per “potenza” ma per “profondità”. Non è un dolore che aumenta con l’aumentare del tempo. E’ sempre lo stesso. In compenso scende in te ogni volta che si ripresenta. Va a fondo. A volte arriva dove non puoi raggiungerlo. E si annida in te, quasi fosse una sanguisuga. Una sanguisuga furba, perchè non te lo toglie tutto il sangue ma fa in modo di poter bere in continuazione e con regolarità.

Tu dici di soffrire per un dolore forte che ti ha colpito. Sono davvero dispiaciuto per te. Vorrei davvero che non ti fosse successo. Ma.. attenzione alle parole. Io ti dico che in pratica soffro da una vita… con pochissimi e brevissimi periodi di pausa.

Chiaro adesso? Io capisco meglio di quanto credi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...