Spiderman2 terapia

Sabato, causa uscita di altri miei amici per andare al cinema a vedere "Angeli e DEmoni" io sono dovuto rimanere a casa. Non avevo i soldi per andarci… e mi sono anche dovuto sorbire le espressioni "sconvolte ed intollerabili" di mio padre, che per certe cose penso sia sottilmente convinto che io non sia una "persona normale". Diciamo che si è fatto un’idea di "gioventù" e io non corrispondo ai suoi parametri. Ma questa… è un’altra storia.
 
Rimasto a casa con mio fratello, essendo il suo turno per usare il computer lo lascio tranquillo e me ne vado in un’altra stanza (anche perchè voleva vedersi "Scherzi a parte" e questo programma sinceramente non mi piace molto). E si era trasformata, sempre per diversi motivi (sono sempre più vago ^^”) in una serata malinconica per me. E so che questo genere di momenti, se non intervengo mi mandano vicino ad uno stato depressivo. E non era il caso.
 
Decido di vedere un film. Ultimamente mi sto scaricando tutti i film sui supereroi. Ma non ne trovo nessuno, tra i nuovi scaricati, che mi vada di vedere. E alla fine (sapevo che sarebbe andata a finire così) mi ritrovo a guardare il dvd di Spiderman 2. E lo inserisco nel lettore per vederlo. Come sempre in questi casi.
 
Eppure, praticamente lo so a memoria. E’ anche il mio supereroe preferito, oltre al fatto che è un bellissimo film. Allora.. perchè me lo riguardo?
 
Perchè, forse a causa della malinconia e del leggero masochismo che mi distingue (^^”) adoro storie sulla "discesa negli inferi". Quando tutto lentamente ma inesorabilmente va male, quando nonostante si dia fondo a tutte le forze interiori, e cercando di non scendere a compromessi con il mondo che ti vuole diverso… senti che è tutto inutile. Quando senti che non c’è speranza, e quando non c’è speranza… si arriva a non esistere. "L’anima scompare. Niente è peggio dell’incertezza" sono le parole che il medico dice ad un confuso Peter Parker che cerca di capire perchè i suoi poteri sono andati via. E il culmine di tutto questo è la stupenda scena della festa in onore del figlio di Jonah Jameson, nonchè fidanzata di mary Jane Watson. Prima litiga con il suo migliore amico, che sbronzo gli rinfaccia che protegge il "terribile arrampicamuri" solo perchè con lui "ci mangia"… poi litiga con mary Jane, perchè è stufa di aspettare che Peter faccia la prima mossa e soprattutto che la faccia adesso (più che altro, ci prova) ed infine che venga a scoprire che la stessa mary Jane ha accettato la proposta di matrimonio del suo attuale fidanzato. Unite tutto al fatto che non riesce a mantenersi un lavoro ( a causa del fatto che è costretto ad intervenire come Spiderman molto spesso), che non trovi tempo per studiare e quindi rischi la bocciatura… e che la sua adorata zia may non riesca a pagare l’affitto di casa e rischi lo sfratto. Beh… se è depresso ha tutte le mie ragioni. ^^”
 
Ma altrettanto bella è la risalita. Che avviene sotto due aspetti… che risultano inscindibili. Si rende conto che è un eroe non per i poteri, ma per una sorta di "attitudine personale". Un esempio è quando va a salvare la bambina nella casa in fiamme. Vede la casa a fuoco, si apre la camicia.. per poi ricordarsi che non ha più il costume ed i poteri. Ci pensa qualche secondo, poi si getta comunque al salvataggio. Non ne può fare a meno, è "fatto così". Ma la risalita si completa solo grazie all’aiuto di persone che gli vogliono bene e che lo aiutano in continuazione, anche se lui non se ne rendeva conto prima. E non parlo solo di mary Jane, che lo ama e cerca di capire se il suo amore è contraccambiato (d’altronde, come dice lei, è solo un "gran fessacchiotto").. ma anche di zia May, che gli ricorda che un eroe è solo una persona che "ricorda a tutti che si può resistere un secondo in più". Vi auguro davvero di trovare, o di aver già trovato, una persona che vi abbia ricordato questo. Sono delle perle rare. ^_^
 
Forse adoro questo film per l’interpretazione di Tobey Maguire. Non so se è voluta o meno, ma è geniale quando interpreta Peter. Lo rende una persona terribilmente onesta e sincera… anche perchè, quando mente, gli occhi e il viso lo smentiscono subito. Ogni volta che vede mary Jane.. o quando lei gli sfiora il viso con la mano… la faccia di peter è meravigliosa. SEmbra vada in estasi. *_* Invidio la sua espressività, davvero… io purtroppo sono monolitico ^^”
 
E.. ultima cosa… ogni volta che guardo questo film mi scordo sempre che è un film. Diventa tutto così vero… eroi e criminali inclusi. Mi perdo… e sono contento mentre lo vedo di non trovare la strada. ^^
 
Alla prossima.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...