Lamen!!

Due sere fa, insieme ad alcuni amici, sono finalmente andato a provare una cucina diversa da quella (ottima ed insuperabile) italiana. E così, dopo aver assaggiato la cucina messicana e quella cinese (…) è stato quindi il turno di quella giapponese. (Piccola premessa: cucina giapponese basata su pesce… e io ODIO il pesce. Ma l’occasione forse non si sarebbe più ripetuto a breve, quindi ho colto al volo l’occasione)
 
Il ristorante in questione si trova a Roma, zona S.Giovanni. Solo a guardare l’esterno, sembrava un ambiente raffinato: tutto sobrio, semplice ma al contempo ricercato, camerieri vestiti con abiti di fattura orientale e sempre con il sorriso sulle labbra. Diciamo che con i miei abiti mi sentivo fuori luogo, ma ormai eravamo arrivati quindi siamo entrati. Il ristorante in questione era pieno di clienti, alcuni seduti a dei tavoli "normali", altri seduti intorno ad un cuoco che su una piastra bollente preparava "in diretta" le pietanze (cosa molto carina, devo ammettere) e poi la cosa più caratteristica per me (almeno all’inizio): tavolini con gambe cortissime e cuscini al posto delle sedie. Nella mia mente fantasiosa pensavo di dover inginocchiarmi e mangiare in quella posizione… e non potete capire quanto sono rimasto deluso nel vedere che il tavoino basso nascondeva un trucco: il pavimento sotto era fatto in modo tale da potersi sedere comodamente. Sono rimasto un pò male nel capire che non mi sarei massacrato le ginocchia…  
 
Sul tavolo per ognuno di noi c’era: una piccola stuoia, due piattini di forma rettangolare e le classiche bacchette. E una cameriera ci ha portato un antipasto: sembravano fagioli da pulire… e mi hanno fatto un effetto tanto strano che non li ho toccati. Poi i menù, dove ho ricevuto una "piccola" sorpresa: quasi tutti i piatti partivano da un prezzo di 9 euro, e io nella mia ignoranza non avevo portato così tanti soldi….  Così almeno all’inizio, mentre uno dei miei amici optava per un piatto di sushi e una sorta di spaghetti con gamberetti e l’altro prendeva un piattino di riso con polipetti, io opto per un "Gohan"… un piattino di riso in bianco!!! Ma la scena del cameriere che è venuto a prendere le ordinazioni mi ha fatto quasi morire dalla vergogna: dopo aver preso le ordinazioni, commenta "Tu vai bene…" indicando il mio amico con sushi e spaghetti " …ma voi due" si gira verso me e il mio amico "mangiate solo questo? Così poco?" ci domanda con aria stupefatta, come se minimo avessimo dovuto ordinare 30 euro di pietanze. La cosa comica è che rimase fin quando non gli assicurammo che ci saremmo presi altro più tardi!!!
 
Quando arriva la mia ciotolina di riso in bianco, devo affrontare il problema bacchette. Non avendo mai preso un paio di bacchette per maniare, mi faccio spiegare come prenderle. E’ stato un buon insegnante, ma non mi ha evitato di slogarmi quasi un polso… e maledire la ciotolina. Grazie al cielo il riso dopo un pò ha cominciato ad attaccarsi tra loro, quindi sono riuscito a mangiare.
 
Ma dopo mi sono domandato: "Cavolo… vengo in un ristorante giapponese e mi mangio un piatto che posso mangiare tranquillamente a casa?" Così ho spulciato di nuovo il menu… e i miei occhi si sono illuminati nel vedere la scritta "Lamen". Insomma, il piatto che tutti gli eroi dei cartoni giapponesi mangiano. Così ne ho ordinato uno.
 
Mi viene messo davanti un grande contenitore in ceramica fumante. Era pieno di brodo, da una parte galleggiava una strana alga e spuntava ogni tanto un pezzo di carne. Cerco allora di annusare un pò per avere un’idea… ma l’odore di brodo copre tutto. Mi rassegno e immergo le bacchette nel brodo, cominciando a mangiare. Allora… l’alga aveva un sapore indecifrabile per me, nè buono nè cattivo; la carne non era male ma aveva la resistenza della plastica e gli spaghetti "annegati" sotto il brodo erano mollicci.
Il brodo merita una menzione a parte: quel contenitore rispecchiava perfettamente il nostro pianeta (70% di acqua e 30% di solido). Quindi mi sono detto: finisco il brodo, poi mi mangio gli spaghetti a parte. L’idea era buona, ma il brodo era TANTISSIMo, il suo livello sembrava quasi non calare mai!! Insomma, finisco di bere il brodo (nel mentre morivo di caldo a causa del vapore) ed erano rimasti gli spaghetti… che non riuscivo quasi a mangiare, visto che il brodo in uestione mi aveva riempito lo stomaco. Ma avevo speso dei soldi, e non sia mai che non mangi ciò che ho pagato!!!
 
Comunque non me la sento di condannare ciò che ho mangiato… alla fin fine era buono. Peccato che il brodo mi abbia impedito di gustare le "patate americane caramellate"… ^^”
 
Alla prossima!
 
 
Annunci

Un pensiero su “Lamen!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...